venerdì 15 luglio 2011

PIOGGE ACIDE

Con il termine piogge acide si intende generalmente il processo di ricaduta dall’atmosfera di particelle, gas e precipitazioni acide. Se questa deposizione acida avviene sotto forma di precipitazioni (piogge, neve, nebbie, rugiade, ecc.) si parla di deposizione umida, in caso contrario il fenomeno consiste in una deposizione secca.
Tale fenomeno é causato essenzialmente dall'aumento nell'atmosfera di componenti gassosi quali l'anidride solforosa (SO2) e solforica (SO3) provenienti dalle attività industriali e dalle combustioni in genere, il monossido e il biossido di azoto (NO, NO2), l'anidride carbonica (CO2). Questi gas possono essere trasformati in pochi giorni in acidi tramite varie reazioni quali la combinazione con l'acqua (H2O).
L'emissione di questi ossidi produce una dispersione ad ampio raggio; così le sostanze acide vengono deposte su vaste aree sottovento che ne subiscono gli effetti. La ricaduta a terra degli inquinanti acidi avviene in due modi: attraverso le deposizioni "umide" e "secche". Le prime sono le più note e si verificano sia sotto forma di pioggia acida, sia come neve, rugiada e nebbie acide. Queste precipitazioni si possono formare a grandi distanze rispetto ai punti di emissione degli ossidi originari; di conseguenza sovente il paese inquinato si trova molto lontano da quello inquinante. Le deposizioni secche consistono nella ricaduta al suolo di sostanze acide in forma di gas o di particelle microscopiche, senza si renda necessaria la loro soluzione. Questo processo in genere si verifica soprattutto nelle aree più vicine ai punti di emissione.
• gas responsabili delle precipitazioni acide sono presenti nell'atmosfera anche per cause naturali quali eruzioni vulcaniche, temporali, processi di degradazione batterica delle sostanze organiche, respirazione di piante e animali. Per questo motivo l'acqua piovana in condizioni normali non é neutra (pH 7), ma risulta debolmente acida (pH 5,6).
• A partire dalla Rivoluzione Industriale, però, le quantità di anidridi gassose riversate nell'atmosfera sono molto aumentate come conseguenza del crescente consumo di combustibili fossili. Il carbone e il petrolio contengono infatti piccole quantità di zolfo che si combina, durante i processi di combustione, con l'ossigeno dell'aria, determinando la formazione di anidride solforosa (SO2), responsabile principale del fenomeno delle piogge acide; l'anidride solforosa, poi, si ossida nell'aria ad anidride solforica.
• Gli ossidi di azoto sono invece prodotti da qualsiasi processo di combustione ad alta temperatura che avvenga in presenza di aria: i principali componenti dell'atmosfera, l'azoto gassoso (N2) e l'ossigeno (O2), per effetto del calore, si combinano chimicamente formando monossido di azoto (NO) ed biossido di azoto (NO2) . Tali ossidi provengono soprattutto dai gas di scarico dei veicoli a motore e degli impianti industriali.
Va ricordata inoltre l'emissione crescente di CO2 che deriva da ogni processo di combustione, compresa la respirazione degli organismi animali e vegetali. La massiccia immissione nell'atmosfera di gas inquinanti proviene anche da altre fonti, ad esempio dalla combustione di biomassa vegetale, tecnica utilizzata soprattutto nelle zone tropicali per attuare la deforestazione e creare nuovo suolo da destinare a pascoli e terre coltivabili. Il fenomeno delle piogge acide é quindi legato alle molteplici attività svolte dall'uomo nei vari settori dell'economia.
La massiccia immissione nell'atmosfera di gas inquinanti proviene anche da altre fonti, ad esempio dalla combustione di biomassa vegetale, tecnica utilizzata soprattutto nelle zone tropicali per attuare la deforestazione e creare nuovo Va ricordata inoltre l'emissione crescente di CO2 che deriva da ogni processo di combustione, compresa la respirazione degli organismi animali e vegetali. La massiccia immissione nell'atmosfera di gas inquinanti proviene anche da altre fonti, ad esempio dalla combustione di biomassa vegetale, tecnica utilizzata soprattutto nelle zone tropicali per attuare la deforestazione e creare nuovo suolo da destinare a pascoli e terre coltivabili. Il fenomeno delle piogge acide é quindi legato alle molteplici attività svolte dall'uomo nei vari settori dell'economia e le conseguenze di tale problema sono decisamente rilevanti
Il fenomeno delle piogge acide é quindi legato alle molteplici attività svolte dall'uomo nei vari settori dell'economia e le conseguenze di tale problema sono decisamente rilevanti

EFFETTI SULLA VEGETAZIONE
Il problema del deperimento forestale è un altro degli effetti delle piogge acide: si ha un indebolimento delle piante (rese più vulnerabili dall'aggressione di parassiti o dagli effetti di condizioni climatiche avverse) e la conseguenza é il rapido declino di alcune foreste. Le piante colpite presentano modificazioni nella chioma (rallentato accrescimento; ingiallimento e precoce caduta delle foglie; ramificazione alterata e meno attiva) e un apparato radicale che risulta meno sviluppato. Il meccanismo di aggressione delle piogge acide é duplice:
Diretto, attraverso il fogliame (esposto direttamente alle precipitazioni, alle nebbie e alla caduta "a secco" di agenti inquinanti);
Indiretto, attraverso la modificazione nella composizione chimica del terreno (l'acidificazione infatti compromette la disponibilità di sostanze nutritive nel suolo).
L'aggressione diretta provoca danni sulle strutture di protezione superficiale delle foglie; l'aggressione indiretta provoca invece danni all'apparato radicale, rallentamento della crescita e addirittura morte precoce della pianta.
Il terreno tuttavia può possedere una "difesa" di fronte a questo attacco, denominata "effetto tampone", che consiste nella capacità di tollerare livelli di acidità notevoli, mantenendo costante il proprio pH. La capacità tamponante dipende dalla natura dei terreni; tuttavia anche in quelli meno sensibili all'acidificazione (che derivano da rocce sedimentarie contenenti carbonati), l'effetto tampone, a lungo andare, può venire meno
L'aumento dell'acidità del suolo é responsabile anche di alcuni effetti biologici quali:
-l'alterazione dei complessi equilibri chimico-fisici del suolo e la conseguente diminuzione di componenti essenziali per la vita delle piante (come ioni calcio, magnesio, potassio e sodio);
-il rilascio di ioni metallici che vanno a danneggiare i sottili peli radicali della pianta. Inoltre vengono gravemente compromesse le popolazioni di batteri azotofissatori (capaci di arricchire il terreno di azoto, catturandolo direttamente dall'atmosfera) e dei microrganismi responsabili della decomposizione di sostanze organiche: ciò può quindi ridurre ulteriormente l'apporto nutritivo alla pianta. Conseguenze visibili di tutto questo sono l'ingiallimento del fogliame (dovuto ad una carenza di magnesio, componente essenziale della clorofilla) e un rallentato accrescimento della pianta a causa della difficoltà di fornire nutrimento alle parti alte della stessa.