martedì 23 giugno 2015

LA TERRA PIU' VECCHIA DI QUELLO CHE SI PENSAVA


Qual è l’età della Terra? In base ad una recente scoperta è tutto da rivedere. Lo dice un nuovo studio presentato alla Goldschmidt Geochemistry Conference che rivela come il momento in cui avvenne la collisione tra l’antenato della Terra e un corpo di dimensioni planetarie si verificò circa quaranta milioni di anni dopo l’inizio della formazione del sistema solare. In altre parole: la fase finale della formazione della Terra è circa sessanta milioni di anni più vecchia di quanto sinora ipotizzato. La scoperta è di un team di geochimici della University of Lorraine, in Francia. I segnali isotopici identificati indicano che l’età sia della Terra sia della Luna è stata sinora sottostimata. I ricercatori hanno analizzato il gas xenon trovato in due quarzi, uno australiano e l’altro sudafricano, datati tra 3,4 e 2,7 miliardi di anni rispettivamente. Il gas nel quarzo è sigillato come in una capsula del tempo ed è servito a effettuare dei confronti tra gli attuali rapporti isotopici dello xenon e quelli che esistevano miliardi di anni fa. Dai dati è emerso che l’impatto che diede vita alla Luna è circa sessanta milioni di anni (più o meno venti milioni di anni) più vecchio di quanto calcolato dalla scienza sinora.